SITUAZIONE CRITICA AD IMOLA, LA DENUNCIA DELLA FIALS: “GRAVISSIMA CARENZA ORGANICA DI TECNICI DI RADIOLOGIA MEDICA”

Fials Imola denuncia la gravissima carenza organica di tecnici di radiologia medica e diffida l'AUSL Imola
Imola

“Tenuto conto della situazione critica, la Fials di Imola ha provveduto ad inviare una missiva alla direzione generale AUSL Imola, diffidando l’Azienda. Nel testo, pertanto, si legge: “In premessa, si rappresenta che il personale sopracitato ha subito da novembre 2023 ad oggi una perdita di ben 10 unità ed un’assenza lunga per gravidanza mentre di assunzioni effettive ne sono state previste solo 3 unità”.

Si legge ancora: “Da quanto sopra rilevato, risulta “sic et simpliciter” evidenziare un aumento esponenziale dei carichi di lavoro, difficoltà nella fruizione di istituti contrattuali contemplati dai CC. NN..LL. (ferie , riposi, permessi a vario titolo), operatori che vengono chiamati in servizio nonostante non sia attiva la cd. reperibilità (art. 7 CCNL integrativo 20.9.2001). Inevitabilmente, il tutto causa un deterioramento del clima organizzativo con ricadute importanti sulla salute psico-fisica dei dipendenti coinvolti, con violazione del Dlg 81/2008 e della normativa in merito allo stress da lavoro correlato Dlg 106/2009″ .

Situazione insostenibile ad Imola

Si nota che per sopperire alla carenza organica cronica, a cui si aggiungono le assenze improvvise, si sta applicando illegittimamente l’istituto della “Pronta Disponibilità” per richiamare in servizio gli operatori a riposo modificandone ripetutamente il turno. A questo proposito si chiarisce che non vige alcun obbligo di lasciare il proprio numero di telefono in reparto e di conseguenza non è obbligato al rientro in servizio, poiché l’obbligo vige solo per chi ha la PD” scrive il Segretario De Pandis.

Questione turni di lavoro

“Il turno base deve essere esposto 30 giorni prima dall’effettivo turno di servizio e secondo la sentenza della Cassazione n°14668 deve essere disponibile entro il 20 del mese precedente, di conseguenza non può essere modificato se non con il consenso del lavoratore stesso; il turno di sostituzione è un turno flessibile ma risponde anch’esso alle regole del turno base, di conseguenza può essere modificato secondo le esigenze di servizio ma non di certo all’ultimo istante e senza il consenso del lavoratore. La modifica del turno giornaliero, ossia mattina con il pomeriggio, sia nella settimana di sostituzione che nel turno base, non può essere modificato se non rientra nei tempi e modi previsti” si legge nella missiva.

“Il prolungamento dell’orario o doppio turno può essere giustificato solo con un ordine di servizio. I dipendenti che non ottemperino agli ordini di servizio che non presentano le caratteristiche giuridiche specifiche, non possono incorrere in alcuna sanzione né disciplinare né penale, anzi, parrebbero esserci gli estremi per una denuncia per illecito amministrativo (legge 689/81 e D.Lgs. 231/01). Troppe volte si è assistito al buon senso, alla professionalità, alla buona volontà, dei dipendenti, ma l’assenza programmata di un collega come quella improvvisa deve essere un evento previsto e gestito adeguatamente nelle tempistiche utili dalla Direzione” chiosa la Fials Imola.

Fials diffida l’Azienda

Il Sindacato autonomo ha diffidato l’Azienda in questione: “Nel dettaglio, nonostante le innumerevoli problematiche e difficoltà sopra descritte, il personale tutto ha messo a disposizione come sempre, la propria professionalità e disponibilità, dimostrando un senso d’appartenenza molto elevato a codesta Azienda, evitando quindi situazioni spiacevoli che avrebbero potuto creare seri disservizi all’U.O”.

“Crediamo e sosteniamo fortemente che a tutto il personale debba essere riconosciuto quantomeno l’onere del merito integrando subito l’organico mancante per sostenerlo in questo momento di enorme difficoltà, altrimenti prevedere delle chiusure in modo da recuperare quantomeno delle unità da poter integrare al gruppo Dea. Il tutto per garantire gli adeguati periodi di riposo psico-fisico, non per ultimo prevedere un riconoscimento economico per gli sforzi sostenuti. “Ex praedictis patet”, la presente ha valore di formale Diffida e di richiesta immediata di reintegro dell’organico. In caso contrario saremmo nostro malgrado costretti ad attivare gli organi di stampa e le autorità di polizia giudiziaria”.

Redazione Sanità Oggi

Iscriviti alla newsletter