LA REGIONE ASSUME IL SUPER MANAGER DA 730 MILA EURO MENTRE I PROFESSIONISTI DELLA SANITA’ VERSANO IN CONDIZIONI GRAVISSIME

Fondazione Catis

In Emilia Romagna mancano 7 milioni di euro sui Fondi Contrattuali per i mancati adempimenti del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Sanità, ma si assume un Mega Manager da 730 mila euro presso la USL della Romagna    

 Mentre a migliaia di lavoratori della Sanità non vengono pagate le indennità contrattuali, non ci sono assunzioni ed i carichi di lavoro sono ormai fuori controllo, la Regione ingaggia un nuovo Super Dirigente da inserire nel già ricco quadro di vertice dell’Ausl Romagna e per cui si impegnano ben 730 mila euro nei prossimi cinque anni e per un settore non propriamente strategico come quello della qualità

Inaccettabile che la Regione non investa queste risorse per migliorare i servizi ai cittadini, sono ancora lunghe le liste di attesa per gli interventi chirurgici e le attese per gli esami diagnostici e strumentali, manca personale negli ospedali, nelle case della Salute e nei Poliambulatori

Nonostante la Sanità della Regione Emilia Romagna sia ancora a rischio commissariamento si sperperano risorse pubbliche, dei cittadini, che dovrebbero essere investite per dare servizi alla cittadinanza e non per strapagare un mega manager con un incarico di 730 mila Euro

Come FIALS Emilia Romagna siamo pronti a Proclamate uno SCIOPERO GENERALE REGIONALE se non verranno integrati i fondi contrattuali e pagate le indennità dovute a tutti i professionisti della sanità emiliano – romagnola

Redazione Sanità Oggi 

 

 

Iscriviti alla newsletter