INTERVENTO FIALS DECISIVO: SIGLATO ACCORDO RELATIVO ALLE PIF

Fials Bologna, in data odierna, ha sottoscritto l'accordo relativo alle prestazioni individuali finalizzate dei dipendenti. Intervento decisivo dell'O. S. in favore dei lavoratori del Policlinico Sant'Orsola-Malpighi
Fials

La Fials Bologna è intervenuta in maniera decisiva, riuscendo a siglare un accordo importante relativamente all’individuazione dei criteri per l’attribuzione e valutazione dei premi correlati alla performance per il personale afferente alle strutture/articolazioni organizzative trasversali/di supporto. Ovvero le PIF, prestazioni individuali finalizzate. Il suddetto accordo è retroattivo, quindi i relativi premi hanno durata annuale e verranno corrisposti conteggiando il tutto a partire dall’1 gennaio 2024.

La cronologia della trattativa

L’Azienda ha presentato al tavolo sindacale dati oggettivi ed esaustivi, esclusivamente, per le strutture/articolazioni organizzative trasversali/di supporto. E non per l’area assistenziale e sociosanitaria. Motivo per cui Fials Bologna è stato l’unico sindacato a proporre la scissione dell’accordo, ribadendo di voler prima visionare i dati oggettivi e la mappatura delle posizioni relative all’area sociosanitaria ed assistenziale per poi valutare la sottoscrizione di un secondo accordo. Fials sta lavorando da sei mesi sulla bozza fornita dall’Azienda, dichiarandosi molto scettica sull’inserimento del seguente criterio di esclusione: “L’assenza dell’assegnatario, a qualsiasi titolo, per un periodo superiore ai 60 giorni nell’anno solare comporta la revoca delle attribuzioni correlate alle prestazioni individuali finalizzate”. Ottenendo così la modifica del criterio stesso, ovvero la rimozione della specifica relativa “a qualsiasi titolo”. Una vittoria importante per il sindacato che ha, ancora una volta, tutelato i lavoratori del Sant’Orsola.

Le dichiarazioni del dirigente sindacale Fials Auriemma

Antonio Auriemma, dirigente sindacale Fials Bologna, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul tema: “Da un lato apprezziamo la disponibilità dell’Azienda a fornirci tutti i dati propedeutici alla sottoscrizione dell’accordo di oggi. Dall’altro, però, auspichiamo che la stessa renda disponibili i dati inerenti all’area sociosanitaria ed assistenziale. Così da poter formulare le nostre valutazioni e presentarle ai prossimi tavoli di trattativa”.  

Redazione Sanità Oggi 

Iscriviti alla newsletter