INDENNITA’ VACANZA CONTRATTUALE: LA FIALS ER DIFFIDA BONACCINI

La questione indennità vacanza contrattuale è quanto mai attuale nell'ambito lavorativo della sanità: ecco gli aggiornamenti
indennità vacanza contrattuale

L’ Indennità di Vacanza Contrattuale (I.V.C.) è un elemento provvisorio della retribuzione che viene erogato dal datore di lavoro nel periodo intercorrente tra la data di scadenza di un CCNL e il suo rinnovo (cosiddetto “periodo di vacanza contrattuale”). Nell’art. 3 del decreto legislativo 145/2003 è stato previsto l’anticipo dell’indennità di vacanza contrattuale (da 1100 a 650 €). Quest’ultima dovrebbe essere pagata dalle aziende sanitarie dell’Emilia-Romagna a tutti i dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato. Qui si gioca la partita in ambito sanitario. In una Regione in cui troppo spesso le alte cariche dirigenziali e politiche finiscono per sminuire le figure dei professionisti della sanità e non elargiscono loro quanto dovuto nel rispetto di leggi e contratti.

Indennità vacanza contrattuale: le richieste della Fials Emilia-Romagna

Il Segretario Regionale Alfredo Sepe ha dichiarato sul tema IVC: “Abbiamo chiesto alla Regione Emilia-Romagna di pagare l’indennità di vacanza contrattuale in un’unica soluzione nel mese di dicembre. Richiesta che ad oggi non è stata recepita da Bonaccini. Il Governatore ha comunicato alle organizzazioni sindacali di voler effettuare un pagamento rateizzato, come le altre regione del territorio nazionale. Affermazioni pesanti che hanno portato la Fials Emilia-Romagna a diffidare la Regione, con l’intento di ricevere nella mensilità di dicembre l’intero importo”.

Il Sindacalista continua specificando che i professionisti della sanità emiliano-romagnola non possono e non devono aspettare mesi per ricevere l’IVC, che potrebbe e dovrebbe essere pagata in un’unica soluzione. Come avviene per le indennità dei dirigenti che la Regione continua a pagare profumatamente, mentre invece discrimina chi, come gli operatori sanitari, è in prima linea.

Lo Scontro tra Sepe e Bonaccini

La scontro tra la Fials Emilia-Romagna e la Regione continua da mesi, spostandosi dai palazzi del potere alle piazze. Il Sindacato, infatti, è ancora in pieno tour anti-Donini per sensibilizzare sul tema delle condizioni lavorative in cui si trovano ad operare i professionisti della sanità emiliano-romagnola. I quali adesso riceveranno un’altra ”bastonata”  dalla Regione, non vedendosi pagata l’indennità di vacanza contrattuale nel mese di dicembre.

Redazione Sanità Oggi 

Iscriviti alla newsletter