MUORE AL CAU DOPO ORE DI ATTESA AL PS DEL S.ORSOLA, SEPE (FIALS ER): “DONINI SI DIMETTA DALL’INCARICO”

Sei ore al Pronto Soccorso del Sant’Orsola senza essere visitato, poi va al Cau di Budrio e muore. Sepe (FIALS ER): "L'Assessore Donini ha fallito, si dimetta dall'incarico" 
liste d'attesa

Dramma al Cau di Budrio

Muore, forse per un problema cardiaco, mentre si trova all’accettazione del neonato Cau di Budrio. Inutili i tempestivi soccorsi e le manovre di rianimazione del personale del Cau. L’uomo, l’85enne Gianluigi Boni, pensionato di San Lazzaro, è morto sul colpo accasciandosi al suolo. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri che stanno indagando per ricostruire quanto accaduto.

Da quanto si apprende l’uomo si era recato prima al pronto soccorso del Sant’Orsola: accusava un dolore allo stomaco dopo sei ore di attesa aveva deciso di tornare a casa e rivolgersi al medico di famiglia. Poco dopo, però, nella serata di ieri i dolori si sono fatti più intensi e l’85enne ha provato a recarsi al Cau dove, purtroppo, ha fatto solo in tempo ad arrivare.

Infuoca la polemica sulla riorganizzazione del sistema di emergenza-urgenza

La nascita dei Cau non ha dato ancora risposte concrete ai cittadini emiliano-romagnoli, dovevano diluire le attese ai pronto soccorso gestendo i casi di bassa complessità, ma ai pronto soccorso si attende ancora delle ore ed il problema dell’affollamento sembra tutt’altro che risolto.

La riforma del sistema di emergenza-urgenza  in Emilia-Romagna è stata al centro della bufera mediatica per molti mesi, trovando la contrarietà di molte associazioni, di tanti sindaci e delle organizzazioni sindacali di categoria. Polemiche che non hanno fermato l’Assessore alla Sanità Raffaele Donini, che ha tirato dritto per la sua strada ignorando tutto e tutti, e che oggi si trova al cento di un terremoto mediatico.

L’attacco del Segretario Regionale FIALS ER

“L’Assessore Donini si dimetta subito dall’incarico”. E’ questo il duro commento del segretario regionale della FIALS Emilia-Romagna Alfredo Sepe che attacca a testa bassa l’Assessore alla Sanità. Il sindacalista continua spiegando che la riforma del sistema di emergenza – urgenza in Emilia Romagna è un fallimento totale, non solo si mette a rischio la salute dei cittadini, ma la riforma non risolve il problema delle attese ai pronto soccorso e della cura delle patologie tempo dipendenti.

Redazioni Sanità Oggi

Iscriviti alla newsletter