CARENZA DI PERSONALE A BUDRIO, LA FIALS SCRIVE AL SINDACO BADIALI

La situazione presso l'Ospedale di Budrio non è affatto positiva, come denunciato a gran voce dal sindacato Fials
budrio

La Fials continua il proprio “viaggio” negli ospedali dell’Emilia-Romagna per mettere in luce le criticità esistenti e per porre la situazione all’attenzione dei vertici delle aziende ospedaliere. In particolar modo l’O. S. ha attenzionato quanto sta accadendo nel reparto di Medicina dell’Ospedale di Budrio.

Ospedale di Budrio, la situazione

La situazione presso il suddetto nosocomio non è delle migliori. A cominciare dalle condizioni in cui si trova ad operare il personale sanitario e di supporto: turni con lunghe già inserite nella programmazione della turnistica, violando così le più basilari norme contrattuali che prevedono il divieto di utilizzare il lavoro straordinario come programmazione ordinaria del lavoro. Non considerando che tale modus operandi impatta in maniera devastante sui fondi contrattuali: limitandone le risorse da destinare a passaggi di fascia e progetti. Senza dimenticare gli ordini di servizio richiesti il venerdì per la domenica, così come la carenza di personale.

Carenza di personale a Budrio

Attualmente c’è un operatore in malattia lunga, un infortunio, due lavoratori in ferie estive. Motivo per cui le altre unità sono costrette a fare le doppie notti e gli OSS della sala operatoria vengono spostati in Medicina per coprire i turni. Per quanto concerne gli infermieri, sono sotto di otto unità: tra licenziamenti e pensionamenti mai sostituiti, gravidanze ed aspettative.

Le dichiarazioni del Segretario Sepe

Alfredo Sepe, Segretario Regionale Fials Emilia-Romagna, ha inviato una missiva al Sindaco Badiali per chiedere sia un incontro che un fattivo supporto per migliorare le attuali condizioni in cui versa l’ospedale cittadino: “La salute ed il benessere dei cittadini devono essere la priorità per ogni amministrazione pubblica. Motivo per cui chiediamo al primo cittadino di vigilare sulla situazione esistente. In quanto Fials chiediamo all’Azienda più assunzioni e più sicurezza sul lavoro. Non dimentichiamoci che siamo in prossimità della stagione estiva, il cui arrivo comporterà una contrazione dei servizi clinico-assistenziali in tutti i nosocomi, in particolar modo negli ospedali di prossimità”. 

Redazione Sanità Oggi 

Iscriviti alla newsletter